Un tè pregiato e puro, che prende il nome di Ceylon dal nome dato allo Sri Lanka duranta la colonizzazione inglese. Dalle foglie lunghe e regolari ottenute dalla pianta Camellia Sinensis, questo tè offre un infuso corposo e dal colore ramato.

Considerato come il miglior tè del mondo, il suo sapore intenso che va dalle note agramute a leggermente cioccolatose è ideale da assoparore al mattino a colazione, grazie al suo effetto energizzante. A seconda dell’origine, può avere anche un leggero sapore di nocciola.


Benefici del Tè Nero di Ceylon:

Il tè nero di Ceylon ha molti benefici per la salute e per l’organismo. Ricco di tannino, è un’ottima alternativa per le persone sensibili alla caffeina o per coloro che desiderano smettere o ridurre il caffè. La presenza di L-teanina conferisce inoltre un effetto energizzante ma non eccitante. Si ritiene infatti che la L-teanina contribuisca a ridurre lo stress e l’ansia, evitando così il nervosismo generalmente associato al caffè.

In aggiunta, il tè nero di Ceylon, come i suoi simili della famiglia dei tè neri, è ricco di antiossidanti! I quali contribuiscono a contrastare lo sviluppo di alcune malattie e l’invecchiamento precoce delle cellule.


Modalità di preparazione:

Per ottenere una perfetta tazza di tè nero di Ceylon, sono necessari 10-12 gr di foglie di tè (Sono circa 2 cucchiaini di prodotto) per un litro d’acqua riscaldata a 90 -95°C.  Il tempo di infusione ottimale per il tè nero di Ceylon va dai 3 ai 5 minuti, a seconda dei gusti.

Per un sapore più intenso, l’infuso può essere arricchito con frutta o spezie. Il suo sapore si sposa perfettamente anche con il rooibos, il famoso tè rosso utilizzato in tutto il mondo.

Semplice o zuccherato, il tè nero di Ceylon si gusta al meglio con un goccio di latte, come in Sri Lanka. Si può anche aggiungere un po’ di cannella per renderlo ancora più buono.


Storia del Tè Ceylon:

Nel XIX secolo, gli inglesi iniziarono a produrre tè nelle loro colonie asiatiche. All’epoca, il mercato era interamente dominato dai cinesi. Gli inglesi scoprirono piante di tè selvatiche nella regione indiana dell’Assam e fondarono la Compagnia del tè dell’Assam nel 1839. Per sviluppare l’azienda, spiarono i cinesi per scoprire i loro segreti di produzione, oltre a impianti e preparatori.

Dopo l’India, la coltivazione del tè si diffuse a Ceylon, fino ad allora specializzata nel caffè, in seguito a due eventi: il crollo dei prezzi del caffè negli anni Cinquanta del XIX secolo e la comparsa di un parassita devastante (il fungo Hemileia Vastatrix) nelle coltivazioni di caffè. Gli inglesi piantarono a Ceylon le prime piante di tè provenienti dalla Cina e dall’Assam. Le piante si svilupparono meravigliosamente sull’isola e il tè prodotto era di alta qualità. La maggior parte delle piantagioni di caffè è stata convertita in piantagioni di tè, coltivate più o meno nello stesso modo. Per occuparsi di queste piantagioni, gli inglesi si affidarono ai Tamil, che ancora oggi sono gli unici autorizzati a cogliere le foglie di tè. La coltivazione del tè nero si è sviluppata gradualmente con metodi più moderni. Thomas Lipton applicò metodi di produzione moderni nelle sue piantagioni e iniziò a commercializzare il tè di Ceylon in bustine e non solo sfuso. Le ferrovie si svilupparono sull’isola per facilitare il trasporto del tè. A Londra, la prima consegna di tè di Ceylon nel 1875 fu un grande successo; il tè fu apprezzato per la sua qualità e superò persino il tè proveniente dalla Cina in termini di importazioni dal 1887.


Ingredienti:

Tè nero.

Peso 50 g
Dimensioni 15 × 7 × 8 cm
Paese di produzione

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Noble Horse, Tè Ceylon 400gr”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.