Le foglie di brick o pasta di brick (Malsouka) sono molto utili nella pasticceria orientale. Il suo nome “Ouarka” o “foglia di pasta” deriva dal Maghreb, in Marocco, in Tuninie, malsouka che significa foglia che si attacca. La foglia di pasta brick ha la forma di un disco di circa 25 cm di diametro, intervallato da un foglio di carta da forno. Più spessa della pasta fillo, la sfoglia di pasta brick è anche più “rustica” e più resistente.

Utilizzate il giusto ripieno con la sfoglia di pasta brick.
Carni macinate con erbe aromatiche, verdure grattugiate o tagliate a dadini, uova, formaggio fresco, erbe aromatiche, o anche, in versione dolce, miele, frutta secca, mandorle… lasciate che la vostra creatività culinaria si esprima. Ma ricordate queste due regole:

I ripieni non devono avere una consistenza liquida per non inzuppare la pasta.
Se i ripieni sono caldi, lasciateli raffreddare o intiepidire prima di guarnirli per non indebolire o addirittura strappare la pasta sfoglia.
L’arte di piegare le sfoglie di pasta sfoglia
Una volta scelti i ripieni, questi riempiono le sfoglie di pasta brick o filo che vengono poi modellate in triangoli, sigari, rettangoli, pastillas e altre composizioni. Prima di lanciarsi in creazioni artistiche innovative, imparate a padroneggiare il classico processo di piegatura:

Triangoli: questa piegatura è spesso molto apprezzata perché, una volta compreso il principio, è molto facile da attuare per un risultato piacevole in bocca e sempre sorprendente. I triangoli sono perfetti anche per un aperitivo curato o per un buffet di finger food.

Sigari: nello stesso stile, i sigari fanno sempre il loro piccolo effetto. Possono essere mangiati così come sono ma anche immersi in una salsa o in una vellutata (sigari con prosciutto crudo per accompagnare un gazpacho, sigari al cioccolato per ravvivare una zuppa di frutta…).

Rettangoli: un ripiegamento semplice e perfetto per un servizio al piatto, accompagnato ad esempio da un’insalata. È la versione familiare per eccellenza.

Le mini-pastillas: sempre per il servizio al piatto, ma in versione chic, una piega perfetta per stupire i vostri ospiti.

Se proprio non riuscite a “sigillarle” quando le piegate, usate l’albume d’uovo!

Cucinare le sfoglie

Avete finito di fare le pieghe? Ora non vi resta che cuocerle. Per la cottura al forno (consigliata perché più facile da controllare, meno grassa e altrettanto croccante), dovete prima spennellarle con un tipo di grasso a scelta tra :

– 1 grasso: olio neutro o aromatizzato a seconda del ripieno, ghee o semplicemente burro fuso.
– 1 tuorlo d’uovo mescolato con 1 cucchiaio di acqua o di latte: questa seconda soluzione viene poi utilizzata per cospargere la pasta sfoglia con spezie e/o semi: zucchero e cannella per una pasta sfoglia dolce, semi di sesamo, cumino nero o cumino per una pasta sfoglia salata…

Per finire, posizionare la pasta sfoglia su una rastrelliera ricoperta di carta da forno o su una teglia di silicone e infornare nel forno preriscaldato. Di solito ci vogliono 15 minuti a 180 °C (th. 6), ma ricordate di adattare il tempo di cottura alle vostre ricette. In ogni caso, la pasta sfoglia deve essere ben dorata.

 

 

Peso 190 g
Dimensioni 1 × 32 × 35 cm

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “El Gamra, Malsouka ( Pasta per brik) 10pz”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.