Originaria dell’Himalaya, la Moringa oleifera è un albero tropicale a crescita rapida il cui uso risale al 2000 a.C. Considerata una pianta medicinale, è particolarmente utilizzata nella medicina ayurvedica, nota per prevenire quasi 300 malattie!

Oggigiorno la Moringa oleifera è estremamente popolare nel continente americano e sta gradualmente conquistando l’Europa. Classificata come “Superfood”, la Moringa è considerata una pianta miracolosa: non solo il suo consumo è benefico per il corpo umano, ma la sua piantagione sostiene anche il nostro ecosistema!

Benefici della Moringa:

Azione antiossidante e antinfiammatoria

Secondo un rapporto pubblicato sull’Asian Pacific Journal of Cancer Prevention, la moringa contiene una miscela di aminoacidi essenziali, fitonutrienti carotenoidi, antiossidanti come la quercetina, i polifenoli, la vitamina C, il betacarotene e l’acido clorogenico, e composti antibatterici naturali che agiscono come molti farmaci antinfiammatori. Gli antiossidanti aiutano a combattere gli effetti dello stress ossidativo e quindi l’invecchiamento precoce delle cellule. La moringa sarebbe efficace nel combattere la cosiddetta infiammazione di basso grado, in contrapposizione all’infiammazione acuta, che si esprime con il dolore. L’infiammazione di basso grado è un’infiammazione più insidiosa, in quanto non si avverte, ma a lungo andare porta a molti problemi di salute, anche gravi. Infatti, malattie come il diabete di tipo 2, le malattie cardiovascolari, il morbo di Alzheimer, la depressione, i tumori e tutte le malattie degenerative hanno un elemento in comune: l’infiammazione. Per combattere questa infiammazione è necessario uno stile di vita sano, una buona alimentazione e il consumo di prodotti naturalmente antinfiammatori come la Moringa. Secondo alcuni studi, è efficace anche per alleviare le infiammazioni acute, in particolare quelle croniche dell’intestino (morbo di Crohn e rettocolite).

Azione sull’equilibrio ormonale

Come diretta conseguenza delle proprietà antiossidanti e antinfiammatorie della moringa, il consumo di foglie di moringa rallenta gli effetti dell’invecchiamento e bilancia naturalmente gli ormoni. Infatti, uno studio del 2014 pubblicato sul Journal of Food Science and Technology ha testato gli effetti della moringa sui livelli di infiammazione e stress ossidativo in donne adulte in post-menopausa, nelle quali il livello di enzimi antiossidanti è particolarmente basso. Nel gruppo di donne in post menopausa che hanno assunto moringa, si è notato un aumento significativo dei livelli di antiossidanti.

Agisce sull’apparato digerente

Grazie alle sue proprietà antinfiammatorie, la moringa è utilizzata nella medicina tradizionale per prevenire o trattare le ulcere gastriche, ma anche le lesioni renali, le micosi, le infezioni, i calcoli renali, le infezioni del tratto urinario, la stitichezza, gli edemi, la diarrea e tutti i disturbi digestivi in generale. Le foglie di moringa hanno effetti stimolanti sulla funzione epatica, prevengono le malattie del fegato e aiutano a disintossicare l’organismo dalle sostanze nocive. Per questo motivo, possono essere utilizzate al posto delle foglie di tarassaco, camomilla romana o carciofo.

Agisce sulla glicemia e sul diabete

La moringa contiene acido clorogenico e isotiocianati, composti che aiutano a proteggere e combattere il diabete. L’acido clorogenico contribuisce al controllo dei livelli di zucchero nel sangue e aiuta le cellule ad assorbire e rilasciare correttamente il glucosio (zucchero). Associata all’infuso di foglie di mirtillo, Vaccinium myrtillus, o di radice di cicoria, Cicorium intybus, la sua azione sulla glicemia e sul colesterolo è amplificata e più efficace, per il diabete lieve. In effetti, uno studio pubblicato sull’International Journal of Food Science Technology ha rilevato che la moringa ha avuto effetti positivi sul controllo della glicemia e sui livelli di insulina nei pazienti con diabete quando è stata consumata come parte di un pasto ad alto contenuto di carboidrati.

Un altro studio sui ratti ha dimostrato che il consumo di Moringa ha portato a una diminuzione degli alti livelli di immunoglobuline (IgA, IgG), della glicemia a digiuno e dell’emoglobina glicosilata (HbA1c), tre marcatori osservati nei diabetici. Lo studio ha anche mostrato un ritorno alla salute renale e pancreatica nei topi che hanno assunto la moringa, nonché una riduzione delle complicazioni del diabete, a differenza del gruppo di prova.

Aiuta a stabilizzare l’umore e a proteggere la salute del cervello.

La moringa è ricca di aminoacidi che favoriscono le funzioni dei neurotrasmettitori, come la produzione di serotonina, comunemente nota come “ormone del benessere”. La sua azione antiossidante e la sua composizione rendono la moringa anche un protettore del corretto funzionamento della ghiandola tiroidea, che agisce su: stanchezza, depressione, scarsa libido, sbalzi d’umore, insonnia, ecc.

Altri vantaggi

Grazie alla loro composizione, le foglie di moringa aiutano le persone carenti, stanche o che si stanno riprendendo da una malattia a ritrovare l’energia. Inoltre, le foglie di moringa hanno una funzione antitumorale e protettiva del sistema cardiovascolare, in particolare per quanto riguarda la stabilizzazione del colesterolo.

La pianta è utilizzata in Africa per combattere l’asma, i dolori articolari o la malaria, in assenza di sommità fiorite essiccate di artemisia, il rimedio per eccellenza contro la malaria.

La moringa ha un effetto benefico in caso di: anemia, artrite e altri dolori articolari, allergie, asma, epilessia, ulcere o spasmi gastrici e intestinali, mal di testa, pressione alta, calcoli renali, ritenzione idrica, libido, varie infezioni batteriche, fungine, virali e parassitarie.

Modalità di preparazione:

Inserire un filtro in una tazza
Versare 250ml d’acqua riscaldata a 70-90°C nella tazza.
Lasciarlo in infusione per 3 minuti. Se si desidera un sapore più forte lasciare per 5 minuti. Si raccomanda di non superare i 5 minuti di infusione.
Addolcire con miele e aggiungere un po’ di limone e gustare. Bere più volte al giorno

 

 

 

 

Curiosità:

Il termine “Moringa” deriva dal Tamil “Morungai” che designa la pianta, ed è questo termine che viene utilizzato in tutto il mondo. Solo il nome senegalese “nébédaye” e il francese “néverdier” derivano dall’inglese “never die”, che significa “mai morire”.

La pianta è infatti originaria del subcontinente indiano (Afghanistan, India, Pakistan, Sri Lanka) e viene utilizzata da migliaia di anni nell’Ayurveda per i suoi benefici nutrizionali e terapeutici.

Oggi la moringa oleifera è coltivata in tutte le regioni pantropicali e può persino essere una pianta invasiva, come a Cuba. Facile da piantare e rapida da coltivare, è stata ampiamente piantata in Madagascar per la riforestazione, contribuendo a preservare l’ambiente. Cresce in zone aride e semi-aride ed è un alimento da consumare tutto l’anno. Consumata in tutto il mondo come verdura (come gli spinaci, ad esempio), è una pianta molto efficace nella lotta alla malnutrizione. Viene infatti utilizzato in numerosi programmi umanitari per combattere la malnutrizione e le malattie associate alle carenze, in particolare nei neonati e nelle madri che allattano.

Composizione:

Foglie di Moringa.

Peso 45 g
Dimensioni 15 × 7 × 8 cm
Paese di produzione

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Beit Al Atara, Infuso di Moringa (20 x 1,7gr) 34gr”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.