Una tisana a base di Anice Stellato, una spezia di origine cinese, ampiamente usata in Asia per i suoi numerosi benefici. In particolare sorseggiare questa tisana, dal gusto molto particolare e aromatico, è ideale per alleviare tutti i disturbi digestivi, come il gonfiore. Inoltre grazie alle sue propietà rilassanti facilita il sonno, motivo per cui è preferibile consumarlo alla fine dei pasti e soprattutto la sera, prima di andare a letto.

Modalità di preparazione:

Inserire un filtro di tè in una tazza
Versare 250ml d’acqua riscaldata a 70-90°C nella tazza.
Lasciarlo in infusione per 3 minuti. Se si desidera un sapore più forte lasciare per 5 minuti. Si raccomanda di non superare i 5 minuti di infusione.

Cos’è l’Anice Stellato?

L’anice stellato cinese è il frutto dell’albero di badiana cinese, un piccolo arbusto verde sempreverde originario della Cina o del Vietnam. Forma una stella a otto punte, da cui il nome comune di anice stellato. Anice, perché l’anice stellato ha un sapore molto simile all’anice, più dell’anice verde, grazie all’anetolo, un olio essenziale che contiene. Ogni ramo della stella contiene un seme marrone, meno aromatico della buccia.

Solo l’anice stellato raccolto viene commercializzato come aromatizzante; anche il frutto caduto, che viene poi raccolto dal terreno, viene utilizzato, ma per la produzione di olio di anice stellato, essenze e per l’uso nell’industria cosmetica e farmaceutica. La corteccia dell’albero viene talvolta utilizzata per preparare rimedi naturali.

Propietà e Benefici dell’Anice stellato:

Digestione difficile

L’anice stellato, come tutti gli anici, è generalmente utilizzato per facilitare la digestione difficile, alleviare gonfiori, coliche, disturbi gastrici, spasmi intestinali, indigestioni, tutti i problemi intestinali e i disturbi digestivi in generale.

Proprietà medicinali simili sono riscontrabili nell’anice verde, motivo per cui viene spesso venduto in erboristeria. È efficace nel trattamento della flatulenza (aerofagia). Ha anche proprietà antisettiche e antispasmodiche intestinali, che la rendono un rimedio naturale per i disturbi gastrointestinali e il mal di stomaco.

Azione antivirale

L’anice stellato ha potenti proprietà antivirali, efficaci per prevenire o alleviare i disturbi invernali come il raffreddore e l’influenza. Infatti, viene utilizzato per la produzione dell’acido shikimico che, dopo diverse trasformazioni, darà l’oseltamivir fosfato, la molecola attiva del Tamiflu, il famoso farmaco antinfluenzale prescritto per il trattamento dell’influenza umana, ma anche dell’influenza aviaria e suina.

Tosse

Utilizzata come inalante, ha anche proprietà antitosse, in particolare per la tosse grassa, e stimola le funzioni respiratorie, permettendo di combattere malattie come la bronchite o la sinusite. In effetti, la maggior parte delle spezie a base di anice ha lo stesso effetto benefico sulla purificazione delle vie respiratorie, soprattutto in combinazione con lavanda ed eucalipto.

Alito cattivo

Come tutte le spezie dolci e anice, lascia l‘alito fresco e purificato.

Sonno e stress

Ha proprietà calmanti per il sistema nervoso, ottime contro lo stress e l’ansia. Ideale per facilitare il sonno e calmare l’insonnia, soprattutto in combinazione con la valeriana officinalis, nota anche come “erba gatta”, la radice più efficace per favorire il sonno.

Diuretico

Ha proprietà diuretiche che consentono una migliore eliminazione dell’urina, con alcune conseguenze apprezzabili, come il miglioramento dell’insufficienza cardiaca, l’abbassamento della pressione sanguigna, il trattamento delle cistiti (infezioni delle vie urinarie) e l’eliminazione di calcoli biliari, renali e vescicali.

Dermatosi

L’anice stellato contiene circa l’8% di oli volatili, il cui principale principio attivo è l’anetolo, che conferisce alla spezia la sua aroma e le sue proprietà terapeutiche. L’anetolo contenuto nell’anice stellato è efficace contro la dermatite. È possibile utilizzare un decotto di anice stellato come lozione sulle zone affette da eczema o psoriasi, ad esempio.

Benessere generale

L’anice stellato è un’ottima fonte di flavonoidi (antiossidanti) e, grazie alla sua azione tonica e stimolante, ha un effetto benefico su vomito, stanchezza, colesterolo e mal di testa. Si dice che abbia un effetto benefico sui dolori articolari legati ai reumatismi e ad altre malattie infiammatorie, nonché sui sintomi legati alla menopausa, come le vampate di calore.

Naturalmente, l’uso delle spezie non può mai sostituire il consulto o la prescrizione di un medico. Consultare il farmacista o il medico per qualsiasi farmaco.

Origini dell’Anice Stellato:

Originaria della Cina, l’introduzione di questa spezia (o del suo nome latino illicium verum) in Europa è avvenuta grazie a Marco Polo. Tuttavia, è stato solo nel Rinascimento che il finocchio cinese è diventato ampiamente utilizzato in Occidente, in seguito alla sua importazione da parte degli inglesi.

Nel 1588, infatti, il marinaio inglese Thomas Cavendish riportò a Londra la spezia dal suo viaggio nelle Filippine. Morgan, lo speziale della regina Elisabetta I d’Inghilterra, apprezzò molto questa spezia a forma di stella e la fece inviare ai suoi colleghi in tutta Europa. È stata rapidamente adottata per la produzione di marmellate e liquori. Il porto di Bordeaux ne ha fatto una specialità creando l’anisette, la cui formula di base viene utilizzata ancora oggi nella preparazione di cocktail di note marche.

La sua rarità la rendeva una spezia difficile da acquistare nel Medioevo, ma anche molto costosa e ambita per le sue proprietà digestive.

L’anice stellato importato in Europa è quello cinese. Esiste una specie di anice stellato proveniente dal Giappone, ma il suo uso è tossico e quindi vietato in Europa. I frutti dell’anice stellato giapponese sono più piccoli e hanno un odore meno pronunciato rispetto all’anice stellato cinese, più simile all’alloro e al cardamomo, la famosa spezia indiana della famiglia delle Zingiberaceae.

Si afferma spesso che i cinesi, i più antichi consumatori di spezie della storia, abbiano iniziato a usarle solo nel XVI secolo. Ma non è così: in Cina l’anice stellato era considerato una spezia preziosa, al punto da essere usato per pagare le tasse durante la dinastia Song. Inoltre, l’anice stellato è utilizzato da oltre mille anni nella medicina tradizionale cinese, in particolare per le sue proprietà digestive e antispasmodiche.

I cinesi hanno dato all’anice stellato molti nomi, il più comune dei quali, pronunciato “bajiao” in mandarino, significa “otto corni”, in riferimento agli otto lobi del frutto.

In India viene utilizzata come incenso per profumare le case, ma anche come pianta aromatica, così come in Giappone e nelle Filippine, dove fa parte della farmacopea per il suo effetto digestivo.

Composizione:

Semi di Anice.

Paese di produzione

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Beit Al Atara, Infuso di Anice stellato (20 x 2gr) 40gr”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.